INfirenze - Informazione indipendente sempre aggiornata!
www.infirenzeweb.it

 
Sabato 29 Aprile 2017
Loading




 

 
Il cuore di Firenze, uno storico negozio di frutta e verdura diventato un “pizzicagnolo”, una sfida lanciata ai tanti fastfood del centro fiorentino.L’Osteria de L’Ortolano e i suoi prodotti genuinidai panini fatti in casa, alle composte a tutta la filera.  Firenze  19 aprile 2017 -  Erano gli anni’60 quando in via degli Alfani i genitori di  Massimo Zetti rilevarono una vecchia bottega di frutta e verdura. Erano gli anni in cui il centro di Firenze aveva ancora un cuore “fiorentino”, un tempo in cui si faceva la spesa anche a due passi dal Duomo. L’antica bottega, nel tempo, ha cambiato il suo indirizzo trasformandosi. Alla fine degli anni ’70 divenne un “pizzicagnolo” sciccoso con prodotti genuini dove le famiglie rimaste ad abitare il centro si servivano poi, con lo spopolamento e l’abbandono da parte di tanti fiorentini del cuore della città e la nascita dei tanti super e ipermercati,  accanto alla vecchia bottega nacque l’Osteria de L’Ortolano. Assediato da fastfood e punti pranzo per turisti, l’Osteria de LOrtolano non ha ceduto al facile guadagno mantenendo dritta la barra della qualità e, oggi, lancia una “sfida” dando vita al   “panino fiorentino e al pranzo  “A I’Tocco”.  Un’idea nata per ritrovare i gusti di un tempo, fatti di cose semplici e genuine come un panino di pane “vero” e un bicchiere di vino di quello buono.Il grande banco tipico della classica pizzicheria (il pizzicagnolo fiorentino di vecchia memoria) regala prodotti toscani di alta qualità, frutto della ricerca di Massimo Zetti e Marta Mezzetti, prodotti che entrano nella creazione di questo nuovo menù dedicato al pranzo veloce ma genuino. I’Panino fiorentino offre pane della migliore qualità (le rosette e le bozzette sono fatte direttamente in Osteria) con i ripieni più fiorentini e toscani:si parte con il Panino di’ Brunelleschicon una rosetta, la cui forma ricorda quella del grande Filippo fiorentino,  ripiena di peposo, uno dei piatti che pare piacesse molto ai costruttori della Cupola.Si prosegue con I’Panino Fiorentino, ripieno di impasto di crostini di fegatini, il Panino del Chianti con il migliore prosciutto toscano tra due fette di pane “sciocco”, Pane e sbriciolona arricchito con la composta di cipolle fatta con i prodotti della fattoria di proprietà della famiglia, il Panino ‘gnorante con la frittata di cipolle, il Panino dell’ortolanoper chi ama solo le verdure e, al contrario, Pane e ciccia per chi ama la carne di manzo.Per chiudere, i’ Panino “ dorce” con  ricotta di pecora dell’Amiata, confettura di susina Regina Claudia sempre di produzione della fattoria e l’immancabile Pandiramerino fatto in casa. Per chi invece volesse mangiare comodamente seduto nella saletta del ristorante, la proposta è il menù fisso de “A i’ tocco” , cioè  il tocco della campana che segnava le 13 cioè “l’ora di desinare” per i fiorentini.Tre i primi proposti: tagliatelle fatte in casa al ragù del Chianti con carne di maiale, stracci al sugo finto cioè uno dei tipici sughi fiorentini, Topini di patate (gnocchi) con ricotta e pecorino dell’Amiata. Il secondo piatto prevede verdure di stagione, pecorino fresco e stagionato o affettati toscani.Per chi vuol chiudere in dolcezzaCrostata di marmellata tutta di produzione Osteria de L’Ortolano, Torta di mele alla toscana e naturalmente, la specialità della casa:la famosa torta Martarè venduta in tutta Italia e non solo nei migliori negozi e ristoranti gourmet. Ad accompagnare il momento del pranzo, dalla fornitissima cantina de L’osteria, sono stati scelti vini da vitigni autoctoni toscani: Sangiovese, Ciliegiolo e Vermentino. Una cantina attenta che spazia in tutta la Toscana e ne oltrepassa con passione i confini, dove la mano esperta del ristoratore intenditore e appassionato si ritrova sia nelle scelte di vini importanti che in quelle di vini di pronta beva. “Noi – ha dichiarato Massimo Zetti – crediamo ancora che il cliente abbia diritto alla migliore qualità  anche se straniero. Vogliamo che chi viene a Firenze porti con sé il ricordo dei veri sapori della città. Nel nostro piccolo cerchiamo di dare il meglio, in semplicità, come vuole la tradizione. fiorentina e toscana.”Marta Mezzetti e Massimo Zetti incarnano l’immagine dei ristoratori appassionati del loro lavoro e innamorati della loro città che, con il loro “Panino fiorentino”,  vogliono dar modo a tutti, pur nella fretta del pranzo, di gustare un po’ di quella Firenze di un tempo, perché solo chi non dimentica le proprie radici può guardare con sicurezza al futuro e assaporarne tutte le nuove varianti.La sera l'Osteria de L'Ortolano torna ad essere il ristorante riservato e di qualità. 
.
 
Nicoletta Curradi

19 Aprile 2017 20:37
 

Commenta la notizia
Nome
CAPTCHA Image
Cambia
Copia il codice di verifica:
Commento
MOSTRE
DAL CUORE DEL LEGNO L'ANIMA DI KEVO
Museo di Storia Naturale "La Specola" via Romana 17, Firenze