INfirenze - Informazione indipendente sempre aggiornata!
www.infirenzeweb.it

 
Mercoledì 24 Maggio 2017
Loading

300 anni del Chianti Classico al Mercato Centrale



 

Una vera e propria festa nel capoluogo toscano coni festeggiamenti del Trecentesimo anniversario del Chianti Classico:  32 produttori, oltre sessanta etichette in degustazione, circa 4000 gli assaggi serviti.

 

La piazza gastronomica più affermata della città del Giglio ieri sera ha accolto una folla pronta a brindare ai 300 anni dal bando di Cosimo III, che consacrò l’odierno Chianti Classico a area particolarmente vocata per la produzione di vini di grande qualità.

Il connubio tra uno dei vini più amati d’Italia e il cibo street-gourmand di Mercato Centrale è stato un successo: i trentadue produttori di vino Gallo Nero hanno servito circa 4000 assaggi al pubblico che ha affollato il primo piano del Mercato storico di Firenze. A fare da guida nel mondo del vino è stato Andrea Gori di God Save the Wine, che ha tenuto corsi di 30 minuti non solo su come approcciarsi a un bicchiere di Chianti Classico, ma anche su come abbinarlo ai piatti della tradizione toscana.

Spiegare come nascano questi piatti invece è stato compito delle massaie del territorio che in due cooking show hanno presentato alcuni cavalli battaglia della tavola toscana, come la ribollita e i fegatini.

Nella festa un momento di approfondimento è stato il Seminario I territori del Chianti Classico, una degustazione diventata viaggio tra le colline del Chianti con la guida di Andrea Gori. Il salutoin apertura di Umberto Montano ha ricordato il valore artistico dell’enogastronomica, settore da tenere in conto proprio per la natura altamente creativa. E’ stata sottolineata la valenza culturale dell’enogastronomica anche da parte di Santino Cannamela, Presidente della Biennale Enogastronomica di Firenze, la cui quinta edizione è stata inaugurata proprio il giorno prima.  Ha affermato Cannamela che una realtà enologica come il Gallo Nero esporta non solo un prodotto di qìgrande qualità, ma anche valori culturali, che costituiscono un bene non solo per il settore, ma anche per il Paese. Gianluca Bettarini, assessore allo Sviluppo Economico e al Turismo ha fatto gli auguri al Gallo Nero, alla sua unicità, che nelle sue parole deve essere promossa dalla città di Firenze: il capoluogo infatti è un luogo da vivere e da assaporare per comprenderne a pieno la cifra unica e emozionante. Il Direttore Generale del Consorzio Chianti Classico, Giuseppe Liberatore ha chiuso affermando che l’eccellenza del Gallo Nero non ha solo una motivazioni storiche, ma è anche frutto di dinamismo continuo, che negli ultimi venti anni ha portato alla selezione dei migliori cloni di Sangiovese con il Progetto Chianti Classico 2000, con un tale innalzamento della qualità dei vini che ha chiamato l’introduzione di una nuova tipologia top di gamma nel 2013, la Gran Selezione. Oggi il processo continua e in breve sarà sottoposta alla base sociale l’introduzione di Menzioni Geografiche aggiuntive, per rendere giustizia alle distintività delle varie aree del Chianti Classico.

 

Nicoletta Curradi

Fabrizio Del Bimbo

12 Novembre 2016 10:29
 

Commenta la notizia
Nome
CAPTCHA Image
Cambia
Copia il codice di verifica:
Commento
MOSTRE
DAL CUORE DEL LEGNO L'ANIMA DI KEVO
Museo di Storia Naturale "La Specola" via Romana 17, Firenze